esarcsenfrdeiwhiitpt

Uno studio osservazionale retrospettivo sull'efficacia del biossido di cloro per la profilassi di sintomi simili a quelli di COVID19 in parenti che vivono con pazienti con questa malattia

 

Ad oggi, non esiste un agente profilattico efficace per prevenire il COVID-19. Tuttavia, lo sviluppo di sintomi simili a covid19 potrebbe essere prevenuto con una soluzione acquosa di biossido di cloro (ClO2). Questo studio retrospettivo ha valutato l'efficacia di una soluzione acquosa di ClO2 (CDS) come agente profilattico in 1.163 parenti che vivono con pazienti positivi/sospetti COVID19.


Il trattamento profilattico consisteva in una soluzione di biossido di cloro allo 0,0003% per via orale per almeno quattordici giorni. I membri della famiglia in cui non sono state riscontrate segnalazioni dello sviluppo di sintomi simili a COVID19 nell'anamnesi sono stati considerati casi di successo. L'efficacia del CDS nella prevenzione dei sintomi simil-covid19 è stata del 90,4% (1.051 su 1.163 parenti non hanno riportato alcun sintomo). Le comorbilità, il sesso e la gravità della malattia del paziente non hanno contribuito allo sviluppo di sintomi simili a covid19 (P = 0,092, P = 0,351 e P = 0,574, rispettivamente). Tuttavia, i parenti più anziani avevano maggiori probabilità di sviluppare sintomi simili a quelli di covid19 (ORa = 4,22, P = 0,002). Non c'era evidenza di alterazioni nei parametri ematici o nell'intervallo QTc nei parenti che hanno consumato CDS. Recenti scoperte sul biossido di cloro giustificano la progettazione di studi clinici per valutarne l'efficacia nella prevenzione dell'infezione da SARS-CoV-2.

PAROLE CHIAVE: Biossido di cloro, profilassi, COVID19, Pandemia

 

INTRODUZIONE

La malattia da coronavirus 2019 (COVID19), causata dalla sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus 2 (SARS-CoV-2), è una malattia che si trasmette direttamente o indirettamente attraverso aerosol e i cui sintomi significativi includono una polmonite da lieve a lieve. Mesquita et al. 2021; Yu et al. 2020). È stato dimostrato che un'alta percentuale di contagi (media 16,6%) si verifica principalmente nelle famiglie (Liu et al. 2020; Madewell et al. 2020), soprattutto perché le case sono ambienti chiusi che rendono difficile il mantenimento della distanza sociale, uso ridotto di dispositivi di protezione individuale e non è possibile isolare completamente un familiare malato (Madewell et al. 2020). A causa dei problemi globali e della rapida diffusione di questa malattia, esistono gruppi di ricerca dedicati alla sperimentazione di farmaci che aiutano a prevenire e migliorare la prognosi della malattia (ad esempio, Ivermectin, Bryant et al., 2021; Vitamin D, Martineau & Forouhi, 2020 e idrossiclorochina, Rajasingham et al., 2021). Tuttavia, la crisi globale continua ed è necessario testare altre sostanze che potrebbero prevenire efficacemente la diffusione del SARS-CoV-2 e sviluppare il COVID19.

Le soluzioni acquose di biossido di cloro (ClO2) hanno un potenziale antimicrobico dovuto alla denaturazione di specifiche proteine ​​del capside virale (Kály-Kullai et al. 2020). Ad esempio, è stato dimostrato che ClO2 ha la capacità di inattivare il virus dell'influenza causato dall'ossidazione del residuo di triptofano 153 nel sito di legame del recettore (Ogata 2012). Tenendo conto della composizione della proteina spike di SARS-CoV-2 (12 residui di triptofano, 54 tirosina e 40 cisteina), si può presumere che ClO2 abbia anche il potenziale per inattivare questo virus (Insignares-Carrione , Bolano Gómez e Ludwig Kalker 2020). Ci sono molte proprietà uniche che rendono ClO2 un antimicrobico ideale e non specifico: ClO2 ha dimostrato di essere un agente antimicrobico selettivo per dimensione che può neutralizzare rapidamente i microrganismi (Noszticzius et al. 2013). Inoltre, può essere utilizzato negli animali e nell'uomo senza effetti negativi in ​​concentrazioni adeguate a causa della sua incapacità di penetrare nei tessuti (Kály-Kullai et al. 2020; Noszticzius et al. 2013).

L'attuale situazione di COVID-19 ha mostrato l'importanza di avere composti antivirali che agiscono rapidamente. Attualmente non esiste alcun farmaco (profilattico o terapeutico) approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) contro il COVID-19 e che abbia dimostrato un'elevata efficacia (Gupta, Sahoo e Singh 2020; Meo, Klonoff e Akram 2020; Shamshina

 

Uno studio osservazionale retrospettivo sull'efficacia del biossido di cloro per la profilassi di sintomi simili a quelli del COVID19 in parenti che vivono con pazienti con questa malattia

Rogers 2020). Pertanto, è essenziale studiare nuovi composti che possano aiutare a ridurre l'impatto dell'attuale pandemia. Questo studio ha analizzato le informazioni cliniche di persone sane che hanno consumato una soluzione acquosa di ClO2 come agente profilattico quando vivevano con pazienti positivi/sospetti di COVID19. È stata valutata l'efficacia del ClO2 nel prevenire lo sviluppo di sintomi simili a quelli del COVID19.

II. METODI

Informazioni di base e cliniche

Questo studio retrospettivo è stato realizzato a partire dalle cartelle cliniche di 1,163 soggetti sani (senza sintomi simili a quelli del covid19), di seguito denominati parenti, che vivono con pazienti COVID19 positivi/sospetti (malati) in diverse città (principalmente Querétaro) del Messico ; dal 30 maggio 2020 al 15 gennaio 2021. I criteri di inclusione sono stati i seguenti: 1) parenti che vivevano nella stessa casa con un paziente malato diagnosticato dal test dell'acido nucleico virale della trascrittasi inversa (RT) in tempo reale a SARS-CoV -2 (Park et al. 2020) e test complementari come il test di rilevamento dell'antigene (Zainol Rashid et al. 2020), test sierologico per anticorpi specifici contro l'immunoglobulina M (IgM) e l'immunoglobulina G (IgG) contro SARS-CoV-2 (Xiang et al. 2020), tomografia computerizzata (Long et al. 2020), radiografia del torace (Smith et al. 2020) o manifestazioni cliniche come febbre, tosse, dispnea, malessere e affaticamento (da Rosa Mesquita et al. 2021 ); 2) i familiari che hanno volontariamente richiesto la gestione profilattica domiciliare e che, dopo essere stati informati dei benefici e dei possibili effetti collaterali del consumo di ClO2, hanno firmato il consenso informato. Le informazioni di base (sesso, età e comorbilità) e le informazioni cliniche (data di richiesta della gestione profilattica, saturazione parziale di ossigeno [SpO2] e sintomi simili a quelli della covida19) sono state raccolte dalle cartelle cliniche. Inoltre, è stato incluso lo stato di gravità della malattia del paziente (lieve, moderata o grave).

Gestione profilattica: soluzione di biossido di cloro

La produzione di ClO2 non è ancora regolamentata da alcuna normativa in Messico. Chimici-farmacisti o ingegneri chimici professionisti producono ClO2 per ossidazione del clorito di sodio (NaClO2) utilizzando acido cloridrico (HCl) come attivatore, garantendo la concentrazione e la sicurezza del prodotto. Trattandosi di un composto chimico, l'esposizione alla luce e una temperatura superiore a 11°C ne modificano la composizione (Kály-Kullai et al. 2020). I familiari sono stati informati che avrebbero dovuto conservare il CDS in frigorifero (4-10°C) e conservarlo in barattoli ambrati chiusi. I familiari hanno iniziato la gestione profilattica orale in dosi giornaliere (0,3 mg/kg) di soluzione acquosa di biossido di cloro allo 0,0003% (CDS, 10 ml di ClO2 a 3000 ppm in 1000 ml di acqua), suddivise in dieci dosi da 100 ml/ora. Questa dose era stata segnalata come adeguata per l'uso umano (Lubbers e Bianchine 1984; Lubbers, Chauhan e Bianchine 1981; Smith e Willhite 1990); Inoltre, è dieci volte al di sotto del "No Observed Adverse Effect Level" (NOAEL), quasi 20 volte al di sotto del "Lowest Observed Adverse Effect Level" (LOAEL), e quasi 300 volte al di sotto della dose letale 50 ( LD50; Insignares-Carrione et al., 2020; Agenzia per la protezione dell'ambiente degli Stati Uniti, 2000). A causa delle normative messicane durante la pandemia, i membri della famiglia sono rimasti a casa per almeno 14 giorni o hanno compensato i sintomi del paziente malato. Le cartelle cliniche mostrano un follow-up giornaliero per un minimo di 20 giorni per ogni membro della famiglia.

Incidenza di sintomi simili a quelli del Covid19 e monitoraggio del benessere fisico generale

I sintomi riferiti dalla famiglia sono stati utilizzati per calcolare l'incidenza dei sintomi simili a Covid19 durante il follow-up clinico. I membri della famiglia che hanno riportato sintomi sono stati considerati come un caso di gestione profilattica fallito. Per valutare il benessere fisico generale durante la somministrazione della profilassi, 27 membri della famiglia sono stati sottoposti a emocromo completo (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine) e a un panel test metabolico (azotemia, creatinina, fosfatasi alcalina alanina aminotransferasi, aspartato aminotransferasi, gamma-glutamil transferasi, glucosio, proteine ​​totali, albumina, sodio, potassio, cloruro, bilirubina, colesterolo e trigliceridi) prima (almeno tre mesi) e dopo il consumo di CDS. Come valori di riferimento sono stati utilizzati i valori tipici della popolazione adulta messicana generale (Díaz Piedra et al. 2012; Olay Fuentes et al. 2013). Inoltre, sono stati raccolti i dati di 50 elettrocardiogrammi (ECG) eseguiti su parenti dopo il consumo di CDS per valutare l'intervallo QTc (misurato manualmente), utilizzando la formula di correzione QT di Bazzet (Dahlberg et al. 2021).

 

Analisi statistica

Le statistiche descrittive sono state utilizzate per ottenere una panoramica delle caratteristiche di base delle informazioni di riferimento. L'età è stata classificata in cinque gruppi: 1-12, 13-19, 20-34, 35-64,> 64 anni. L'incidenza di sintomi simili a quelli del covid19 è stata calcolata dividendo il numero di parenti con eventuali sintomi per il numero totale di parenti in trattamento profilattico. È stato adattato un modello di regressione logistica per analizzare l'associazione di età, sesso, dimensione della famiglia, comorbilità e gravità della malattia del paziente malato con i sintomi riportati. La multicollinearità è stata analizzata ed esclusa. Vengono presentati l'odds ratio aggiustato (aOR) e i loro intervalli di confidenza al 95%. L'hazard ratio (RR) è stato calcolato per confrontare l'efficacia profilattica del CDS con gli attuali farmaci profilattici e abbiamo utilizzato i dati di una meta-analisi di Ivermectin (Bryant et al. 2021), che ha mostrato la massima efficacia fino ad oggi. I test della somma dei ranghi di Wilcoxon sono stati eseguiti per confrontare i risultati degli esami del sangue (emocromo completo e test del pannello metabolico) prima e dopo il consumo di CDS. Per confrontare l'intervallo QTc dei membri della famiglia che consumano CDS rispetto ai pazienti COVID19 trattati con idrossiclorochina, è stata eseguita un'analisi della varianza (ANOVA). Un valore p <0,05 è stato considerato statisticamente significativo. Per ridurre la distorsione delle informazioni in questo studio, il medico curante non ha partecipato alla digitalizzazione o all'analisi statistica. Tutte le analisi sono state eseguite con STATA v.15.1 (StataCorp 2017)

Approvazione etica

Il Comitato Etico del Centro Medico Giuridico ha rinunciato alla necessità dell'approvazione etica e dell'ottenimento del consenso per la raccolta, l'analisi e la pubblicazione dei dati ottenuti retroattivamente in quanto si trattava di uno studio non interventistico in cui le informazioni venivano acquisite da vecchie cartelle cliniche, mantenendo il anonimato di ogni persona e perché tutti i pazienti hanno firmato il consenso informato prima del trattamento.

Disponibilità dei dati

I set di dati utilizzati e analizzati durante il presente studio sono disponibili presso l'autore corrispondente su ragionevole richiesta.

ragionevole richiesta.

III. RISULTATI

Background dei partecipanti allo studio

Le informazioni sono state raccolte da 1,163 familiari appartenenti a 554 nuclei familiari, in 13 stati della Repubblica messicana, principalmente Querétaro (52.25%) e Città del Messico (12.61%). Il campione era composto da 567 donne (48,75%), 442 uomini (38,00%) e 154 senza informazioni (13,24%), con un basale medio di 40,37 (range 2-89) anni. Centottantuno parenti hanno dichiarato malattie concomitanti, prevalentemente ipertensione (17,39%), diabete (15,76%) e malattie respiratorie (bronchite, asma e polmonite cronica; 7,06%). Altre condizioni come cancro, insufficienza renale, ipotiroidismo, malattie cardiache e artrite sono state riportate in meno dell'1%.

Incidenza di sintomi simili a Covid19

L'incidenza calcolata dei sintomi simili a Covid19 è stata del 9,63%. In totale, 112 familiari (67 donne [59,82%], 41 uomini [36,61%] e quattro senza informazioni [3,57%]) hanno riportato almeno un sintomo sporadico-lieve simile al covid19 tra 4 e 5 giorni dopo la richiesta di profilassi trattamento con CDS (Tabella 1). Tredici parenti (1,12%) hanno riportato effetti collaterali (diarrea, mal di testa, gastrite, nausea, vertigini o mal di gola) dopo l'assunzione di CDS e due dei casi senza successo (1,78%) hanno sospeso la gestione profilattica per mal di testa e gastrite moderati. In questi 112 familiari malati, la dose di assunzione di CDS è stata aumentata immediatamente dopo l'insorgenza dei sintomi a una dose terapeutica (0,6 mg/kg) fino alla risoluzione dei sintomi (tra due e quattro giorni). Nessuno dei familiari che presentavano sintomi simili a quelli del covid19 è deceduto.

Le comorbilità riportate non erano statisticamente significative per lo sviluppo di sintomi simili a quelli di covid19 (p = 0,092). Non c'erano prove statistiche che il sesso del membro della famiglia e la gravità della malattia del paziente malato contribuissero indipendentemente e fossero associati alla presenza di sintomi (P = 0,351 e P = 0,574). Tuttavia, entrambe le variabili sono state aggiunte al modello per correggere i fattori confondenti. Quando si aggiustavano per il sesso e la gravità delle malattie del paziente, i familiari di tutte le categorie di età avevano maggiori probabilità di avere sintomi simili a covid19 rispetto ai pazienti più giovani, ma erano statisticamente significativi solo in 35 a 64 anni (aOR = 4,22, 95% CI: 1,71, 10,41, p = 0,002) e in quelli con più di 64 anni (aOR = 3,64, 95% CI: 1,30, 10,16, p = 0,014). Confrontando l'efficacia profilattica dell'ivermectina (media 86%; Bryant et al., 2021) rispetto a CDS, abbiamo osservato che i membri della famiglia che consumano CDS hanno il 31% in meno di probabilità di sviluppare sintomi simili a quelli di COVID19 (RR = 0,69, 95% CI: 0,54-0,89, P = 0,003).

Benessere generale del paziente

Nessun parametro analizzato dell'emocromo completo (Tabella 2) era al di fuori dei valori medi prima o dopo. Il volume medio delle cellule (MCV) era diverso (test della somma dei ranghi di Wilcoxon, P <0,02), essendo più alto dopo la gestione profilattica con CDS, sebbene non fosse al di fuori del limite superiore normale. Nel test metabolico (Tabella 2), la glicemia era al di sopra dei valori attesi prima e dopo (media, rispettivamente, 102,65 mg / dL e 103,79 mg / dL). Tuttavia, non c'erano differenze tra i due periodi, né in questo metabolita né negli altri valutati. Il QTc medio era 400,08 ms (95% CI: 394,34 ms, 405,76 ms) e nessun ECG ha mostrato un QTc prolungato (Fig. 1). Tuttavia, l'ECG di un maschio ha mostrato un QTc = 442 ms. L'intervallo QTc dei parenti era significativamente più basso (ANOVA, P <0,001) rispetto al QTc dei pazienti trattati con il trattamento convenzionale COVID19 (idrossiclorochina e azitromicina; Chorin et al., 2020; Ramireddy et al., 2020).

 

IV. DISCUSSIONE

Questo studio retrospettivo ha raccolto informazioni da 1,163 membri della famiglia che vivevano con pazienti malati e che usavano il CDS a scopo profilattico. In questo studio, l'incidenza di sintomi simili a covid19 è stata del 9,63%, che è inferiore al tasso di attacco secondario domestico stimato complessivo riportato (16,6%, 95% CI: 14,0%, 19,3%; Madewell et al., 2020). È chiaro che le persone comunemente adottano misure protettive nei luoghi pubblici come lavarsi le mani e indossare le mascherine, ma trascurano la protezione personale in casa perché la considerano un luogo “sicuro”, che ha generato un'alta incidenza di contagio tra i familiari (Madewell et al.2020). Ecco perché i ricercatori stanno facendo un grande sforzo per trovare un'alternativa profilattica efficace contro il COVID19.

Alcuni studi hanno dimostrato l'effetto profilattico di COVID19. L'integrazione di vitamina D durante la pandemia di COVID19 è stata suggerita come misura preventiva per il suo effetto benefico sul sistema immunitario (Verdoia e De Luca 2021). Tuttavia, l'efficacia era solo del 40% (Martineau e Forouhi 2020). D'altra parte, l'ivermectina è stata ampiamente studiata per dimostrare la sua efficacia profilattica contro l'infezione da SARS-CoV-2 (Alam et al. 2020; Elgazzar et al. 2020; Kory et al. 2021). I risultati di una meta-analisi sono stati utilizzati per confrontare l'efficacia della CDS rispetto all'ivermectina. Abbiamo dimostrato che l'efficacia profilattica della CDS era leggermente superiore a quella riportata per l'ivermectina (90,4% vs 86%, rispettivamente). Nonostante l'utilizzo di variabili di esposizione e risultati simili, le condizioni e il design degli studi confrontati erano diversi. A causa delle limitate prove disponibili per ClO2 / CDS nell'uomo, riteniamo necessario condurre studi di controllo randomizzati o coorti prospettiche per confrontare l'effetto di queste due sostanze in gruppi analoghi.

Uno dei farmaci profilattici più studiati è l'idrossiclorochina (Rajasingham et al. 2021; Rathi et al. 2020). Tuttavia, non ha mostrato una riduzione del rischio statisticamente significativa (HR = 0,72, IC 95%: 0,44, 1,16; P = 0,18; Rajasingham et al., 2021). Inoltre, alterazioni ematologiche, alterazioni della funzionalità epatica e renale (Agrawal, Goel e Gupta 2020; Galvañ et al. 2007) e prolungamento dell'intervallo QTc (Chorin et al. 2020; Christos-Konstantinos et al. 2017; Ramireddy et al. .2020). ) sono stati segnalati per utilizzare questo farmaco. Contrariamente a quanto riportato nel presente studio, gli esami del sangue non hanno rivelato alcun disturbo sistemico dopo il consumo di CDS, simile a quanto riportato in precedenza (Lubbers e Bianchine 1984; Smith e Willhite 1990). Per quanto riguarda la funzione cardiaca, l'uso di idrossiclorochina combinato con azitromicina in pazienti con COVID19 induce un intervallo QTc più lungo (459 ± 36 ms, Ramireddy et al., 2020; e 463 ± 32 ms, Chorin et al., 2020). In questo studio, solo un parente ha presentato l'intervallo QTc (442 ms) al limite (431-450 ms), limite stabilito come di consueto per l'1% della popolazione (Christos-Konstantinos et al. 2017). Nel resto dei membri della famiglia, l'intervallo QTc era entro i limiti normali durante la gestione profilattica con CDS. L'infezione da COVID19 è stata associata a QTc prolungato, indipendentemente da diversi fattori clinici correlati al prolungamento del QTc. È stato riportato che il rischio di QTc prolungato aumenta nei pazienti trattati con idrossiclorochina e azitromicina, indipendentemente dalla presenza o assenza di infezione da SARS-CoV-2 (Rubin et al. 2021), e potrebbe portare ad un alto rischio di aritmia maligna ( Christos-Konstantinos et al. 2017). Non abbiamo trovato alterazioni nell'intervallo QTc in individui sani che hanno consumato CDS a scopo profilattico. Si raccomanda la progettazione di studi clinici in cui venga effettuato un follow-up dettagliato per valutare ogni possibile effetto del biossido di cloro sull'intervallo QTc.

Per quanto riguarda il rischio legato al sesso, le donne sono le principali caregiver degli altri membri della famiglia, cosa che potrebbe metterle a rischio in caso di parente malato (Wenham, Smith e Morgan 2020). È stato riportato un rischio più elevato di infezione da COVID19 nelle donne rispetto agli uomini (RR = 1,66, 95% CI: 1,39, 2,00) con la moglie che è la più colpita rispetto a un membro della famiglia che non è coniuge a causa dell'intimità o contatto (ad esempio, dormendo nella stessa stanza) con suo marito (Liu et al. 2020). Tuttavia, in questo studio, non è stata trovata alcuna prova che le donne siano a maggior rischio di infezione rispetto agli uomini. Per quanto riguarda l'età, non abbiamo trovato evidenze statistiche sullo sviluppo di sintomi simili a covid19 nelle fasce di età più giovani. I membri della famiglia di età superiore ai 35 anni erano a più alto rischio, essendo quelli con la più alta probabilità di sviluppare COVID19 in tutto il mondo (Liu et al. 2020; Madewell et al. 2020). Sebbene comorbidità come diabete e ipertensione siano state riconosciute come fattori di rischio per lo sviluppo di COVID19, (Liu et al. 2020) non abbiamo trovato differenze statistiche nel presente studio. Ciò può essere dovuto a dati clinici errati o all'effetto profilattico della CDS. Tuttavia, questo resta da chiarire in ulteriori studi di progettazione specifica.

Questo studio mostra che i casi di fallimento sono iniziati con sintomi simili a covid19 tra 4 e 5 giorni dopo la richiesta di trattamento profilattico. Ciò è coerente con studi precedenti in cui il più alto tasso di trasmissibilità si verifica alla fine della prima settimana di infezione (To et al. 2020). I casi senza successo hanno riportato sintomi sporadici e lievi, principalmente: mal di testa, mal di gola, tosse, febbre, malessere, diarrea, vertigini, dolore addominale e affaticamento, che sono già stati segnalati come sintomi di COVID19 in altri studi (Madewell et al. 2020) . ; da Rosa Mesquita et al. 2021). Tuttavia, senza una diagnosi di conferma di COVID19, è impossibile garantire che i membri della famiglia siano stati infettati da SARS-CoV-2.

ClO2 in altre forme di applicazione e dosaggio è stato classificato come un composto pericoloso a causa di alcuni effetti collaterali segnalati. Inoltre, alcuni casi segnalati sono stati dovuti all'ipoclorito di sodio (NaClO2) invece che al ClO2. In generale, i social media sono stati inondati di disinformazione attraverso notizie ingiustificate su ClO2. Anche le autorità sanitarie hanno rilasciato informazioni errate (senza basi scientifiche) su questo composto in diversi media. Mentre alcune di queste informazioni possono essere innocue, un'altra parte può essere pericolosa e può influenzare lo sviluppo e l'implementazione di potenziali trattamenti (Osuagwu et al. 2021), come questo composto. I nostri risultati mostrano che il CDS alla dose utilizzata è sicuro e non ha effetti collaterali gravi, anche se usato a dosi più elevate (nessuno dei casi senza successo ha riportato effetti collaterali dopo l'aumento della dose). Questo è anche supportato poiché nessun parametro ematico era al di fuori dell'intervallo normale dopo 14 giorni di trattamento profilattico. In questo studio, abbiamo riportato solo tredici membri della famiglia con effetti collaterali, che sono scomparsi dopo l'aggiustamento della dose.

LIMITAZIONI

Il nostro studio ha alcune limitazioni. Il primo di tutto è che si tratta di uno studio osservazionale retrospettivo, il che significa che non è possibile stabilire prove conclusive dell'efficacia del CDS perché potremmo utilizzare solo le informazioni disponibili nelle cartelle cliniche dei parenti e non potremmo avere alcun controllo . sulle variabili. In secondo luogo, c'è un bias di disinformazione quando i membri della famiglia riportano informazioni iniziali e cliniche. In terzo luogo, molti parenti non sono stati sottoposti a test diagnostici o di conferma per SARS-Cov-2 a causa della situazione economica e del costo elevato di questi in Messico. Pertanto, è stato impossibile stabilire con certezza che i familiari che hanno riportato sintomi simili al covid19 avessero il COVID19. In quarto luogo, i risultati degli studi utilizzati per confrontare i nostri risultati sono ottenuti da diverse popolazioni e raccolti in altre condizioni, quindi questi confronti dovrebbero essere interpretati con cautela. In quinto luogo, l'interpretazione generale dei risultati può essere limitata a causa della mancanza di informazioni aggiuntive (ad es. cura personale, abitudini alimentari, vicinanza e relazione con i pazienti, ecc.). Queste e altre variabili devono essere prese in considerazione negli studi futuri.

 

SEGA. CONCLUSIONE

Questo è il primo studio per cercare di determinare l'efficacia di una soluzione acquosa di biossido di cloro nel prevenire lo sviluppo di sintomi simili a quelli del COVID19. Dimostriamo un'efficacia del 90,4% nel prevenire lo scoppio di sintomi simili a COVID19 nelle condizioni date. L'esame del sangue non ha rivelato alcuna anomalia sistemica dopo il consumo di CDS. I nostri risultati suggeriscono che l'uso corretto di ClO2 come soluzione è sicuro per il consumo umano in una concentrazione e dose adeguate. Pertanto, riteniamo che i recenti risultati sul biossido di cloro giustifichino la conduzione di RCT per valutarne l'efficacia contro SARS-CoV-2. Inoltre, ciò potrebbe aprire un nuovo campo di ricerca sul potenziale utilizzo di nuovi composti per risolvere problemi di salute pubblica attuali e futuri. Infine, invitiamo più gruppi di ricerca a considerare questa soluzione per studi futuri.

 

REFERENCIAS


1) Agrawal, Sumita, Akhil Dhanesh Goel e Nitesh Gupta. 2020. "Strategie emergenti di profilassi contro il COVID-19".

Archivi Monaldi per le malattie del torace 90: 169-72.

2) Alam, Mohammed Tarek, Rubaiul Murshed, Pauline Francisca Gomes, Zafor Md. Masud, Sadia Saber, Mainul Alam Chaklader, Fatema Khanam, Monower Hossain, Abdul Basit Ibne Momen Momen, Naz Yasmin, Rafa Faaria Alam, Amrin Sultana e Rishad Choudhury Robin. 2020. "Ivermectina come profilassi pre-esposizione per COVID-19 tra gli operatori sanitari in un ospedale terziario selezionato a Dhaka: uno studio osservazionale". European Journal of Medical and Health Sciences 2 (6): 1–5.

3) Bryant, Andrew, Theresa Lawrie, Edmund Fordham, Mitchell Scott, Sarah Hill e Tony Tham. 2021. “Ivermectin per

Prevenzione e trattamento dell'infezione da COVID-19: una revisione sistematica e una meta-analisi. " PREPRINT (Versione 1) Disponibile presso Research Square 1–25.

4) Chorin, Ehud, Lalit Wadhwani, Silvia Magnani, Matthew Dai, Roi Bar-cohen, Edward Kogan, Chirag Barbhaiya, Anthony

Aizer, Douglas Holmes, Scott Bernstein, Michael Spinelli, David S. Park, Carugo Stefano e Larry A. Chinitz. 2020. "QT

Prolungamento dell'intervallo e torsione di punta in pazienti con COVID-19 trattati con idrossiclorochina/azitromicina. "

Ritmo cardiaco 17: 1425-33.

5) Christos-Konstantinos, Antoniou, Dilaveris Polychronis, Manolakou Panagiota, Galanakos Spyridon, Magkas Nikolaos, Gatzoulis Konstantinos e Tousoulis Dimitrios. 2017. "Prolungamento dell'intervallo QT e aritmia maligna: quanto è grave un problema?" Rivista europea di cardiologia 12 (2): 112–20.

6) Dahlberg, Pia, Ulla Britt Diamant, Thomas Gilljam, Annika Rydberg e Lennart Bergfeldt. 2021. "La correzione del QT utilizzando la formula di Bazett rimane preferibile nella sindrome del QT lungo di tipo 1 e 2". Annali di Elettrocardiologia Non Invasiva 26: e12804.

7) Díaz Piedra, Pablo, Gabriela Olay Fuentes, Ricardo Hernández Gómez, Daniel Cervantes-Villagrana, José Miguel Presno-Bernal e Luz Elena Alcántara Gómez. 2012. "Determinazione degli intervalli di riferimento della biometria ematica In






popolazione messicana". Giornale latinoamericano di patologia clinica e medicina di laboratorio 59 (4): 243-50.

8) Elgazzar, Ahmed, Basma Hany, Shaimaa Abo Youssef, Mohy Hafez, Hany Moussa e Abdelaziz Eltaweel. 2020. "Efficacia e sicurezza dell'ivermectina per il trattamento e la profilassi della pandemia di COVID-19". PREPRINT (Versione 2) Disponibile presso Research Square 1–13.

9) Galvañ, Vicente Giner, María Rosa Oltra, Diego Rueda, María José Esteban e Josep Redón. 2007. "Epatite acuta grave correlata all'idrossiclorochina in una donna con malattia mista del tessuto connettivo". Reumatologia clinica 26 (6): 971-72.

10) Gupta, Dhyuti, Ajaya Kumar Sahoo e Alok Singh. 2020. "Ivermectina: potenziale candidato per il trattamento del Covid 19." Giornale brasiliano delle malattie infettive 24 (4): 369-71.

11) Insignares-Carrione, Eduardo, Blanca Bolano Gómez e Andreas Ludwig Kalcker. 2020. "Biossido di cloro in COVID-19: ipotesi sul possibile meccanismo di azione molecolare in SARS-CoV-2". Journal of Molecular and Genetic Medicine 14 (5): 1-8.

12) Kály-Kullai, K., M. Wittmann, Z. Noszticzius e László Rosivall. 2020. "Il biossido di cloro può prevenire la diffusione del coronavirus o di altre infezioni virali? Ipotesi mediche". Fisiologia Internazionale 107 (1): 1–11.

13) Kory, Pierre, Gianfranco Umberto Meduri, Joseph Varon, Jose Iglesias e Paul E. Marik. 2021. “Rassegna degli Emergenti

Prove che dimostrano l'efficacia dell'ivermectina nella profilassi e nel trattamento del COVID-19. " American Journal of Therapeutics 28 (3): e299-318.

14) Liu, Tao, Wenjia Liang, Haojie Zhong, Jianfeng He, Zihui Chen, Guanhao He, Tie Song, Shaowei Chen, Ping Wang, Jialing Li, Yunhua Lan, Mingji Cheng, Jinxu Huang, Jiwei Niu, Liang Xia, Jianpeng Xiao , Jianxiong Hu, Lifeng Lin, Qiong Huang, Zuhua Rong, Aiping Deng, Weilin Zeng, Jiansen Li, Xing Li, Xiaohua Tan, Min Kang, Lingchuan Guo, Zhihua Zhu, Dexin Gong, Guimin Chen, Moran Dong e Wenjun Ma. 2020. "Fattori di rischio associati all'infezione da COVID-19: uno studio di coorte retrospettivo basato sulla traccia dei contatti". Microbi emergenti e infezioni 9 (1): 1546–53.

15) Long, Chunqin, Huaxiang Xu, Qinglin Shen, Xianghai Zhang, Bing Fan, Chuanhong Wang, Bingliang Zeng, Zicong Li, Xiaofen

Li e Honglu Li. 2020. "Diagnosi della malattia da coronavirus (COVID-19): RRT-PCR o TC?" Giornale Europeo di Radiologia

126: 108961.

16) Lubbers, JR e JR Bianchine. 1984. "Effetti della somministrazione di dosi crescenti acute di biossido di cloro, clorato e clorito su volontari maschi adulti sani e normali". Journal of Environmental Pathology, Toxicology and Oncology:

Organo ufficiale della Società internazionale di tossicologia ambientale e cancro 5: 215-228.

17) Lubbers, Judith R., Sudha Chauhan e Joseph R. Bianchine. 1981. "Valutazioni cliniche controllate di biossido di cloro, clorito e clorato nell'uomo". Scienze tossicologiche 1 (4): 334-38.

18) Madewell, Zachary J., Yang Yang, Ira M. Longini, Elizabeth Halloran e Natalie E. Dean. 2020. "Trasmissione domestica di SARS-CoV-2: una revisione sistematica e una meta-analisi". JAMA Network Open 3 (12): e2031756.

19) Martineau, Adrian R. e Nita G. Forouhi. 2020. "Vitamina D per COVID-19: un caso a cui rispondere?" Il Lancet Diabete ed Endocrinologia 8: 735-36.

20) Meo, SA, DC Klonoff e J. Akram. 2020. “Efficacia della clorochina e dell'idrossiclorochina nel trattamento del COVID-

  1. "Rivista europea per le scienze mediche e farmacologiche 24 (8): 4539-47.



21) Noszticzius, Zoltán, Maria Wittmann, Kristóf Kály-Kullai, Zoltán Beregvári, István Kiss, László Rosivall e János Szegedi.

  1. "Il biossido di cloro è un agente antimicrobico selettivo per le dimensioni". PLoS UNO 8 (11): e79157.



22) Ogata, Norio. 2012. "Inattivazione dell'emoagglutinina del virus dell'influenza da parte del biossido di cloro: ossidazione del residuo triptofano 153 conservato nel sito di legame del recettore". Journal of General Virology 93: 2558-63.

23) Olay Fuentes, Gabriela, Pablo Diaz Piedra, Ricardo Hernández Gómez, Daniel Cervantes-Villagrana, José Miguel Presno-

Bernal e Luz Elena Alcántara Gómez. 2013. "Determinazione degli intervalli di riferimento per la chimica clinica nella popolazione messicana". Giornale latinoamericano di patologia clinica e medicina di laboratorio 60 (1): 43-51.

24) Osuagwu, Uchechukwu L., Chundung A. Miner, Dipesh Bhattarai, Khathutshelo Percy Mashige, Richard Oloruntoba, Emmanuel Kwasi Abu, Bernadine Ekpenyong, Timothy G. Chikasirimobi, Piwuna Christopher Goson, Godwin O. Ovenseri-Bog Charwe, Tanko Ishaya, Obinna Nwaeze e Kingsley Emwinyore Agho. 2021.

"Disinformazione su COVID-19 nell'Africa subsahariana: prove da un'indagine trasversale". Sicurezza sanitaria 19 (1): 44-56.

25) Park, Myungsun, Joungha Won, Byung Yoon Choi e Justin C. Lee. 2020. "Ottimizzazione dei set di primer e dei protocolli di rilevamento per SARS-CoV-2 della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) mediante PCR e PCR in tempo reale". Medicina sperimentale e molecolare 52 (6): 963-77.





26) Rajasingham, Radha, Ananta S. Bangdiwala, Melanie R. Nicol, Caleb P. Skipper, Katelyn A. Pastick, Margaret L. Axelrod, Matthew F. Pullen, Alanna A. Nascene, Darlisha A. Williams, Nicole W. Engen , Elizabeth C. Okafor, Brian I. Rini, Ingrid A. Mayer, Emily G. McDonald, Todd C. Lee, Peter Li, Lauren J. MacKenzie, Justin M. Balko, Stephen J. Dunlop, Katherine H.

Hullsiek, David R. Boulware e Sarah M. Lofgren. 2021. "Idrossiclorochina come profilassi pre-esposizione per la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) negli operatori sanitari: uno studio randomizzato". Malattie infettive cliniche: un funzionario

Pubblicazione della Infectious Diseases Society of America 72 (11): e835-43.

27) Ramireddy, Archana, Harpriya Chugh, Kyndaron Reinier, Joseph Ebinger, Eunice Park, Michael Thompson, Eugenio Cingolani, Susan Cheng, Eduardo Marban, Christine M. Albert e Sumeet S. Chugh. 2020. "Esperienza con idrossiclorochina e azitromicina nella pandemia di coronavirus 2019: implicazioni per l'intervallo Qt

Monitoraggio". Giornale dell'American Heart Association 9 (12): e017144.

28) Rathi, Sahaj, Pranav Ish, Ashwini Kalantri e Shriprakash Kalantri. 2020. "Profilassi con idrossiclorochina per COVID-19

Contatti in India." Le malattie infettive della lancetta 20 (10): 1118–19.

29) da Rosa Mesquita, Rodrigo, Luiz Carlos Francelino Silva Junior, Fernanda Mayara Santos Santana, Tatiana Farias de Oliveira, Rafaela Campos Alcântara, Gabriel Monteiro Arnozo, Etvaldo Rodrigues da Silva Filho, Aisla Graciele Galdino dos Santos, Euclides José Oliveira da Cunha, Saulo Henrique Salgueiro de Aquino e Carlos Dornels Freire de Souza. 2021.

"Manifestazioni cliniche di COVID-19 nella popolazione generale: revisione sistematica". The Central European Journal of Medicine 133 (377): 382.

30) Rubin, Geoffrey A., Amar D. Desai, Zilan Chai, Aijin Wang, Qixuan Chen, Amy S. Wang, Cameron Kemal, Haajra Baksh, Angelo Biviano, Jose M. Dizon, Hirad Yarmhammadi, Frederick Ehlert, Deepak Saluja, David A. Rubin, John P. Morrow, Uma Mahesh R. Avula, Jeremy P. Berman, Alexander Kushnir, Mark P. Abrams, Jessica A. Hennessey, Pierre Elias, Timothy J. Poterucha, Nir Uriel, Christine J. Kubin, Elijah Lasota, Jason Zucker, Magdalena E. Sobieszczyk, Allan Schwartz, Hasan

Garan, Marc P. Waase e Elaine Y. Wan. 2021. "Modifiche dell'intervallo QT corretto per il cuore tra i pazienti trattati per

Infezione da COVID-19 durante la prima fase della pandemia". JAMA Network Open 4: 1–14.

31) Shamshina, Julia L. e Robin D. Rogers. 2020. "Miti e preconcetti ci impediscono di applicare forme liquide ioniche di farmaci antivirali all'attuale crisi sanitaria?" Rivista internazionale di scienze molecolari 21 (17): 1–16.

32) Smith, David L., John-Paul Grenier, Catherine Batte e Bradley Spieler. 2020. “Una caratteristica radiografia del torace

Modello nel contesto della pandemia di COVID-19. " Radiologia: imaging cardiotoracico 2 (5): e200280.

33) Smith, Roger P. e Calvin C. Willhite. 1990. "Biossido di cloro ed emodialisi". Tossicologia normativa e farmacologia 11 (1): 42-62.

34) Stata Corp. 2017. "Software di statistica Stata: versione 15."

35) To, Kelvin Kai Wang, Owen Tak Yin Tsang, Wai Shing Leung, Anthony Raymond Tam, Tak Chiu Wu, David Christopher Lung, Cyril Chik Yan Yip, Jian Piao Cai, Jacky Man Chun Chan, Thomas Shiu Hong Chik, Daphne Pui Ling Lau, Chris Yau Chung Choi, Lin Lei Chen, Wan Mui Chan, Kwok Hung Chan, Jonathan Daniel Ip, Anthony Chin Ki Ng, Rosana Wing Shan Poon, Cui Ting Luo, Vincent Chi Chung Cheng, Jasper Fuk Woo Chan, Ivan Fan Ngai Hung, Zhiwei Chen, Honglin Chen e Kwok

Yung Yuen. 2020. "Profili temporali della carica virale in campioni di saliva orofaringea posteriore e anticorpi sierici

Risposte durante l'infezione da SARS-CoV-2: uno studio di coorte osservazionale. " Le malattie infettive della lancetta 20 (5): 565-74.

36) Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti. 2000. "Revisione tossicologica di biossido di cloro e clorito". N. CAS 10049-04-4 e 7758-19-2 (settembre): 1–49.

37) Verdoia, M. e G. De Luca. 2021. "Potenziale ruolo dell'ipovitaminosi D e della supplementazione di vitamina D durante COVID-

19 Pandemia". QJM: An International Journal of Medicine 114 (1): 3-10.

38) Wenham, Clare, Julia Smith e Rosemary Morgan. 2020. "COVID-19: gli impatti di genere dell'epidemia". La lancetta 395 (10227): 846-48.

39) Xiang, Fei, Xiaorong Wang, Xinliang He, Zhenghong Peng, Bohan Yang, Jianchu Zhang, Qiong Zhou, Hong Ye, Yanling Ma,

Hui Li, Xiaoshan Wei, Pengcheng Cai e Wan Li Ma. 2020. "Rilevamento di anticorpi e caratteristiche dinamiche in pazienti con malattia di coronavirus 2019". Malattie infettive cliniche 71 (8): 1930–34.

40) Yu, Xiaoqi, Dong Wei, Yongyan Chen, Donghua Zhang e Xinxin Zhang. 2020. "Rilevazione retrospettiva di SARS-CoV-2 in pazienti ospedalizzati con malattia simil-influenzale". Microbi emergenti e infezioni 9: 1–12.

41) Zainol Rashid, Zetti, Siti Norlia Othman, Muttaqillah Najihan Abdul Samat, Umi Kalsom Ali e Kon Ken Wong. 2020.

"Prestazioni diagnostiche dei test sierologici COVID-19". Malaysian Journal of Pathology 42 (1): 13-21.

 UNO STUDIO DI:

Manuel Aparicio-Alonso1, Carlos A. Domínguez-Sánchez2, Marina Banuet-Martínez3
1,2,3 Centro medico legale, Querétaro, Messico

 


legalità

Link consigliati

Contatti

Se lo desideri, puoi contattarmi via email per qualsiasi altra informazione che non appare su questo sito.

ultime notizie

Social networking

A causa delle molteplici censure ricevute dai social network e dalle piattaforme video, queste sono le opzioni per diffondere le informazioni disponibili

Newsletter

Per qualsiasi domanda relativa al biossido di cloro, accedi al forum Forbidden Health, disponibile anche all'indirizzo App Android.

Assicurati di iscriverti alla nostra newsletter nella tua lingua preferita per ricevere importanti notifiche relative alle terapie con biossido di cloro.

© 2022 Andreas Kalcker - Sito ufficiale.