esarcsenfrdeiwhiitpt

Ricerca

In questa sezione è possibile visualizzare e scaricare le nostre pubblicazioni o anche pubblicazioni rilevanti sul tema biossido di cloro e coronavirus. Se disponi di informazioni rilevanti sull'argomento, non esitare a contattarci per pubblicarle anche qui.


Rapporto: 4 / 5

Avvio attivatoAvvio attivatoAvvio attivatoAvvio attivatoInizia
 

CDS è il biossido di cloro senza contenuto di clorito di sodio (NaClO2) in soluzione acquosa e quindi la tossicità deve essere rivalutata a questo proposito.

Biossido di cloro (ClO2) è un composto utilizzato dall'inizio del XX secolo, quando fu utilizzato per la prima volta in una spa a Ostenda, in Belgio. Dal 1944, il ClO2 È utilizzato come potente disinfettante utilizzato nella purificazione dell'acqua per l'alimentazione e il consumo umano, disinfezione di apparecchiature per emodialisi, riduzione della placca dentobatterica, gengiviti, cheratosi, pulizia orale, pulizia di apparecchiature mediche e sterilizzazione di sacche per trasfusioni di sangue . È un gas giallo-verdastro ea temperature inferiori a -59ºC sono cristalli arancioni luminosi. È estremamente solubile in acqua che gli conferisce un caratteristico colore dal giallo al dorato e il suo punto di evaporazione è di 11ºC. Per questo motivo deve essere conservato in frigorifero per mantenere la sua attività a lungo termine.

La densità di ClO2  è 3,01 g / cm3, il suo punto di fusione è -59ºC, il punto di ebollizione 11ºC, la sua decomposizione da 45ºC e la sua massa molare è 67,45 g / mol. La stabilità del ClO2 in soluzione acquosa è dovuto alla sua struttura simile all'acqua. L'angolazione dei suoi tre atomi è di 117,6º rispetto a 104,45º per H2O. I loro legami creano gruppi di molecole d'acqua per formare reti molecolari più grandi. A contatto con i protoni nel corpo umano, si decompone in cloruro di sodio (NaCl) e ossigeno (O2).

Il biossido di cloro è chiamato l'antimicrobico ideale. È un composto in grado di distruggere batteri, virus, funghi o altri agenti patogeni. Il suo ampio spettro è dovuto al fatto che la sua carica di 5 elettroni è in grado di danneggiare le funzioni vitali dei microrganismi a causa delle loro dimensioni e attraverso l'ossidazione dei gruppi sulfidrile o tiolo (SH), delle proteine ​​essenziali del microrganismo carico di protoni . 

La sua azione è simile a quella svolta da milioni di anni dai neutrofili per la lisi dei patogeni. Viene effettuato attraverso un processo di ossidazione clorurata (ciclo della mieloperossidasi), che è una reazione termica che riduce o elimina la resistenza degli organismi patogeni.

È importante sottolinearlo in molte pubblicazioni confuso con il biossido di cloro gassoso (ClO2) in soluzione acquosa con altre sostanze clorurate che contengono altre differenti caratteristiche quali: 

  1. Ione ipoclorito (ClO-

È uno ione (ossoanione) con un atomo di cloro ossidante +1, derivato da acido ipocloroso con una massa molare di 51.4521 g / mol.

  1.  Ipoclorito di sodio o candeggina (NaClO) 

È un pentaidrato chimico fortemente ossidante che contiene cloro allo stato di ossidazione +1. La sua massa molare è 74.44 g / mol, la sua densità è 1.11 g / cm3, il suo punto di ebollizione è 101 ° C e la sua acidità è <7.5 pKa .

  1. Acido ipocloroso (HClO) 

È un acido che si forma quando il cloro si dissolve in acqua. La sua massa molare è 52,46 g / mol. È un acido debole. Tuttavia, a causa del suo forte effetto ossidante, può continuare a irritare la pelle e persino causare ustioni. La sua decomposizione produce sostanze altamente corrosive come l'acido cloridrico e questo può generare notevoli danni ai tessuti e persino necrosi in un brevissimo periodo di tempo.

  1. Clorito di sodio (NaClO2

È un composto chimico sotto forma di sale utilizzato nella fabbricazione della carta. La sua massa molare è 90.44 g / mol, la sua densità 2.5 g / cm3, il suo punto di fusione di 170ºC e la sua solubilità in acqua è di 39 g / 100 ml (17ºC). È il precursore per produrre gas ClO2, se mescolato con un acido.

  1. Acido clorico o Clorato (HClO3) 

È il precursore dei sali di clorato e contiene cloro allo stato di ossidazione +5. È un ossidante forte e molto instabile. La soluzione incolore viene utilizzata come un forte agente ossidante, specialmente nell'industria della carta come candeggina.

  1. Cloruro di sodio (sale comune)

È il sale sodico dell'acido cloridrico con la formula chimica NaCl, la massa molare di 58,44 g / mol, che non deve essere confuso con il clorito di sodio (NaClO2), il sale sodico dell'acido cloridrico. Il cloruro di sodio è il minerale più importante per l'uomo e gli animali. Il corpo di un essere umano adulto contiene circa 150-300 g.

  1. Cloro (cl2) o cloro gassoso 

In natura non si trova allo stato puro poiché reagisce rapidamente con molti elementi, formando cloruri e trialometani (THM) che possono essere cancerogeni. La sua densità è di 3,214 kg / m3, il suo punto di fusione di -102ºC e il suo punto di ebollizione di -34ºC. L'acido ipocloroso (HClO) contiene il suo cloro allo stato di ossidazione +1; ed è altamente instabile e reattivo. È uno degli alogenati più potenti. La sua massa molare è di 52.46 g / mol, la sua acidità è di 7.4 pKa ed è solubile in acqua.

A differenza di ClO2Molte delle sostanze clorurate sopra menzionate possono produrre trialometani in soluzioni acquose ed essere dannose per l'uomo. Il biossido di cloro non genera trialometani o ne riduce la produzione almeno> 97%. È per questa caratteristica che se ne predilige l'utilizzo come disinfettante per l'acqua e che permette di raggiungere i livelli di sicurezza e purezza dell'acqua, suggeriti dalla US Environmental Protection Agency (EPA).

Esistono molti modi per produrre biossido di cloro. Alcuni possono contenere impurità come acido solforico al 10% (H.2SO4), sali di nitrati e prodotti derivati ​​dalla reazione come Cl2 e l'anione cloro. I sali contengono impurità sconosciute tra il 90 e l'85%, rispettivamente. Questo tipo di biossido di cloro non è adatto per trattamenti terapeutici.

Tuttavia, quando la produzione viene effettuata utilizzando acido cloridrico (HCl) e clorito di sodio (NaClO2), con acqua distillata, tramite il processo di depurazione del gas o mediante elettrolisi NaClO2 , la miscela è molto sicura, priva di impurità e si riduce la produzione di metaboliti nocivi. Si raccomanda che la produzione avvenga nel luogo in cui verrà utilizzato, per evitare contaminazioni e garantire il suo stato di refrigerazione preferibilmente a 4ºC.

Il modo in cui viene prodotto ClO2 ne determina la composizione e la purezza. Il ClO2 è un composto molto stabile a un pH maggiore di 5. A un pH compreso tra 6 e 10, gli ioni clorito e clorato saranno in uno stato molto stabile. Al pH del corpo umano, si può presumere che solo ClO2 sarà l'unica specie clorurata che produce trasferimento di elettroni, dandogli sicurezza nel suo utilizzo. Con i due processi sopra citati non provoca una reazione secondaria nello stomaco a differenza della miscela di clorito di sodio (Naclo2) con un acido o reagire con l'HCL dello stomaco.

Un'altra delle principali caratteristiche del ClO2 è la tua biosicurezza. Per le sue proprietà, ad alte concentrazioni potrebbe essere dannoso per tutte le cellule. Tuttavia, in soluzione acquosa a basse concentrazioni, non si osserva alcun danno nel corpo umano. Per le sue caratteristiche fisico-chimiche e le sue dimensioni reagisce prima selettivamente con i protoni dei microrganismi o con altri acidi nell'interstizio.  

A causa delle dimensioni maggiori delle cellule nel corpo umano, è necessaria una maggiore concentrazione di biossido di cloro per causare danni poiché le cellule hanno una maggiore capacità antiossidante rispetto ai microrganismi. I gruppi cellulari sono organizzati in tessuti con una maggiore capacità di dissipazione elettrofisiologica e insieme hanno una capacità antiossidante ancora maggiore. Di conseguenza, il corpo umano ha una capacità di resistenza molto più elevata; oltre a contenere la ridondanza dei sistemi antiossidanti enzimatici e non, delle vitamine e della compartimentazione.

Il biossido di cloro reagisce solo con un gruppo selezionato di aminoacidi, mentre altre macromolecole vengono ossidate solo in misura minore a seconda del loro pH secondo l'equazione di Nernst. A causa di ciò la penetrazione di ClO2 nelle cellule umane è bassa e la concentrazione richiesta per il suo effetto battericida è molto inferiore alla concentrazione tossica per le cellule del corpo umano.

D'altra parte, esiste una protezione del corpo umano che risiede nel glutatione (deposito di gruppi SH) che è uno dei più importanti antiossidanti non enzimatici del corpo umano. Il glutatione esercita un effetto protettivo sulle cellule viventi del corpo sin dalla reazione del glutatione con ClO2 è più veloce dell'ossidazione della cisteina. Per questo motivo, le concentrazioni di ClO2 negli organismi viventi è molto piccolo e impedisce che i residui proteici di cisteina, tirosina e triptofano nelle cellule vengano attaccati da essa nel citoplasma. Le cellule del corpo producono continuamente glutatione, esercitando il suo effetto protettivo nonostante il consumo continuo di ClO2.

Le cellule umane contengono glutatione come principale fattore antiossidante, ma contengono anche altri sistemi che esercitano il loro effetto protettivo. A causa del funzionamento di questi sistemi all'interno delle cellule del corpo e della loro capacità di rigenerazione, l'effetto del ClO2 sulle cellule è molto inferiore all'effetto esercitato sui singoli microrganismi che non dispongono di sistemi antiossidanti protettivi. Inoltre, poiché le cellule del corpo si trovano in tessuti capaci di dissipazione elettrica, le quantità di sostanze antiossidanti sono di diversi ordini di grandezza superiori a quelle dei microrganismi. Un essere umano può consumare una soluzione di ClO2 con 24 mg / L in un litro di in un giorno, senza effetti nocivi.

 In uno studio condotto per determinare la tossicità del biossido di cloro, non sono stati osservati sintomi nel test di irritazione oculare nei conigli che utilizzavano ClO2 a 50 ppm. Nei topi che hanno bevuto 40 ppm di acqua per 90 giorni consecutivi, non è stata osservata tossicità nel test. I test sugli animali che mostrano tossicità vengono eseguiti a dosi molto più elevate (> 100 o 200 mg / L).

Attraverso uno studio prospettico, randomizzato e in doppio cieco, è stata valutata la somministrazione cronica di acqua trattata con ClO2 negli umani. È stato uno studio in tre fasi.

  1. La fase I ha studiato gli effetti acuti di singole dosi crescenti in volontari adulti sani. 
  2. Nella Fase II è stato considerato l'impatto su soggetti normali dell'assunzione giornaliera di concentrazioni di 5 mg / L per dodici settimane consecutive.
  3. Nella fase III, a una persona con deficit di glucosio-5-fosfato deidrogenasi sono state somministrate concentrazioni di biossido di cloro 12 mg / L al giorno per 6 settimane. Non sono state osservate conseguenze cliniche indesiderabili in nessuno dei partecipanti. L'ingestione di biossido di cloro e dei suoi metaboliti è considerata sicura entro i parametri di questo studio.

 La dose letale (LD50) per ingestione orale è di 292 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo per 14 giorni consecutivi (= 15,000 mg in una persona di 50 kg). Tuttavia, sono stati segnalati casi di tossicità per inalazione di ClO.2 , dove la concentrazione è solitamente superiore a 3000 mg inalati in pochi minuti.

Nelle tre fasi dello studio di tossicità sopra menzionato, non sono stati riscontrati effetti avversi. L'équipe medica di valutazione non ha osservato sequele cliniche indesiderabili in nessuno dei partecipanti. In alcuni casi, sono state riscontrate variazioni in alcuni parametri biochimici e fisiologici, ma nessuna ha causato conseguenze fisiologiche. Sarebbe necessario un periodo più lungo dell'assunzione continua di dodici settimane per determinare se le variazioni potrebbero essere statisticamente significative. Pertanto, l'ingestione orale di biossido di cloro e dei suoi metaboliti è stata considerata sicura.

In uno studio condotto dal Department of Health and Human Services del US Department of Health and Human Services - Agency for Toxic Substances and Disease Registry pubblicato nel settembre 2004, è stato segnalato diversi risultati interessanti relativi all'assunzione di biossido di cloro, nell'uomo:

  1. È un gas giallo-rossastro, con un peso molecolare di 67.452 g / mol. Il suo punto di ebollizione è di 11ºC e ha una densità di 1.640 g / mL (0ºC). Il suo odore è acido ed è molto solubile in acqua (3.01 g / L a 25 ° C e 34.5 mmHg.
  2. Circa il 5% delle unità di purificazione dell'acqua degli Stati Uniti utilizza biossido di cloro per produrre acqua potabile. Si stima che circa 12 milioni di persone bevono acqua potabile dove viene applicato il biossido di cloro.
  3. L'Environmental Protection Agency (EPA) ha stabilito che la concentrazione massima per l'acqua potabile era di 0.8 milligrammi per litro.
  4. Gli studi sugli animali hanno indicato che il livello più basso di effetti avversi (Lowest Observed Adverse Effect Level - LOAEL) è 5 mg / kg / die per esposizioni ripetute.
  5. Nessun decesso è stato osservato nei ratti dopo l'ingestione di 90 giorni a concentrazioni di 11.5 mg / kg / giorno nei maschi e 14.9 mg / kg / giorno nelle femmine.
  6. La dose letale 50 (LD50) è stata segnalata essere> 10,000 mg / kg nei topi.
  7. Non sono stati riscontrati decessi nei ratti a dosi di 56 mg / kg / die
  8. Nessuna differenza statistica è stata trovata nella mortalità nei ratti di controllo rispetto ai ratti con assunzione giornaliera per due anni a concentrazioni di 13 mg / kg / giorno.
  9. Non sono stati riportati effetti tossici su sistema cardiovascolare, muscolo scheletrico, pelle, occhi ed effetti metabolici nell'uomo e negli animali.
  10. Non sono stati osservati effetti avversi respiratori negli adulti umani dopo l'ingestione con dosi fino a 0.34 mg / kg / die per 16 giorni.
  11. Non è stata segnalata alcuna associazione di cancro con l'assunzione umana.
  12. Non sono stati riportati decessi nell'uomo o negli animali dopo l'esposizione cutanea.
  13. Non sono stati riportati effetti tossici respiratori, cardiovascolari, ematologici, muscolari scheletrici, epatici, renali ed endocrini.

oculare o in peso; associato all'esposizione cutanea

  1. Non ci sono segnalazioni che colleghino l'ingestione alla genotossicità; non ha effetti mutageni
  2. Il tasso medio di assorbimento era di 0.198 / ora e l'emivita era di 3.5 ore.
  3. I principali meccanismi farmacocinetici sono legati alle reazioni redox nei compartimenti tissutali. Poiché esercita le sue funzioni attraverso reazioni ossidative piuttosto che clorurazione, la formazione di composti organici clorurati è limitata
  4. La principale via di eliminazione dopo somministrazione orale è la via urinaria, principalmente sotto forma di ione cloruro.
  5. Non ci sono biomarcatori specifici
  6. Non ci sono informazioni relative alle interazioni con altre sostanze chimiche
  7. Le persone più suscettibili alla tossicità sono quelle con deficit di glucosio-6-fosfato-deidrogenasi (G6PD).
  8. In caso di esposizioni gravi, soprattutto nei bambini, ben al di sopra dei livelli raccomandati, può verificarsi metaemoglobinemia (specialmente nei pazienti con deficit di G6PD). Il trattamento consiste nell'uso del blu di metilene per via endovenosa. 

In uno studio condotto per determinare l'efficacia e la sicurezza di una soluzione di biossido di cloro, la soluzione con 5 ppm (batteri) e 20 ppm (funghi) ha avuto un'efficacia antimicrobica del 98.2%. La concentrazione inibitoria massima media (IC50) per H1N1, virus influenzale B / TW / 71718704 ed EV71 era rispettivamente di 84.65 ± 0.64, 95.91 ± 11.6 e 46.39 ± 1.97 ppm. In un test sui fibroblasti L929 del polmone di topo, è stata osservata una vitalità cellulare del 93.7% a concentrazioni di 200 ppm. Nessuna irritazione agli occhi è stata osservata nei conigli durante l'applicazione di una soluzione a 50 ppm. Nel test di inalazione a 20 ppm per 24 ore, non sono stati osservati sintomi, né mortalità o compromissione dei test di funzionalità respiratoria. Ciò conferma che ha un'attività antimicrobica e una maggiore sicurezza rispetto a quanto riportato in precedenza.

Per i suoi vantaggi come agente antimicrobico e per la sua biosicurezza, il suo utilizzo è stato proposto per la neutralizzazione di agenti virali. Nel 1986 l'inattivazione del virus è stata testata dalla sua reazione con le proteine ​​del capside virale. Hanno scoperto che la cisteina, la tirosina e il triptofano reagiscono con ClO2 velocemente. È stato riportato che la sua attività antivirale risiede nell'attaccare gli acidi nucleici virali e le proteine ​​e negli amminoacidi ossidanti come la cisteina, il triptofano e la tirosina. Si è scoperto che la cisteina ha reagito più velocemente e che anche l'istidina, l'idrossiprolina e la prolina hanno reagito, ma a un ritmo più lento.

L'attività antivirale del gas nella soluzione di biossido di cloro è stata valutata su una varietà di virus. Ha dimostrato di possedere un'elevata attività antivirale (99.99%) con concentrazioni comprese tra 1 e 10 ppm a 180 secondi, la sua capacità antivirale risente meno del pH del cloro, ha un odore più gradevole ed è più stabile se conservato. 

È stato inoltre riscontrato che ClO2 inattiva il virus dell'influenza ossidando i residui di triptofano nell'emoagglutinina della proteina del capside del virus, abolendo la sua capacità di legarsi al recettore. La proteina del capside di SARS-CoV-2 contiene 54 residui di tirosina, 12 di triptofano e 40 di cisteina, che consente il ClO2 può inattivare SARS-CoV-2 in un tempo estremamente breve ea una bassa concentrazione che viene calcolata fino a 0.1 mg / L.

In un lavoro precedente, Z. Noszticzius, ha scoperto che il tempo necessario per ClO2 uccidere un organismo vivente è proporzionale al quadrato del suo diametro. Pertanto, gli organismi più piccoli moriranno molto più velocemente. Nel suo calcolo, ha scoperto che un batterio di 1 micron di diametro sarebbe morto in una soluzione di 300 mg / L in 3 millisecondi; e in uno di 0.25 mg / L in 3.6 secondi. In questo momento, il ClO2 raggiungerebbe tutte le parti della cellula distruggendo le proteine ​​che contengono cisteina, tirosina e triptofano. Il virus SARS-CoV-2 ha un diametro di 60-140 nm.[.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK554776/] 

Cascella M, Rajnik M, Cuomo A, et al. Caratteristiche, valutazione e trattamento Coronavirus (COVID-19) [Aggiornato il 2020 luglio 4]. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 gennaio-.Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK554776/

Il tempo necessario per attivarlo sarebbe 1-2 ordini di grandezza più veloce dei batteri. Il ClO2 non ha bisogno di penetrare nel virus per inattivarlo. L'inattivazione è dovuta alla degradazione del virus capside e del suo genoma. Il ClO2 reagisce con residui di cisteina, tirosina o triptofano per esercitare il suo effetto e influenzare il capside, e su prolina e idrossiprolina a livello del dominio del recettore di legame (RBD) e del recettore ACE2. 

Attraverso diversi studi è stato dimostrato che ClO2 inattiva diversi tipi di virus, tra cui: rotavirus umano, norovirus umano, calicivirus felino, virus della poliomielite ed echovirus (SARS), influenza e parainfluenza. Lo fa anche in adenovirus tipo 40, calicivirus felino, parvovirus canino, hantavirus, virus dell'epatite, coronavirus umano, virus del minuto del topo, Newcastle, Norwalk, encefalite di Theiler, vaccini e HIV. 

Scheda informativa, National Agricultural Biosecurity Center, Kansas State University.

virus dell'influenza [https://benthamopen.com/ABSTRACT/TOANTIMJ-2-71]. 

Adenovirus di tipo 40  Inattivazione dell'adenovirus enterico e del calicivirus felino da parte del biossido di cloro, Thurston-Enriquez, JA, APPLIED AND ENVIRONMENTAL MICROBIOLOGY, giugno 2005, p. 3100-3105.

calicivirus Inattivazione di agenti patogeni emergenti portati dall'acqua da parte di disinfettanti selezionati, J. Jacangelo, pg 23.

Parvovirus canino. Etichetta BASF Aseptrol

coronavirus Biossido di cloro, parte 1 Sterilizzante versatile e di alto valore per l'industria biofarmaceutica, Barry Wintner, Anthony Contino, Gary O'Neill. BioProcess International DICEMBRE 2005.

Virus calici felino Biossido di cloro, parte 1 Sterilizzante versatile e di alto valore per l'industria biofarmaceutica, Barry Wintner, Anthony Contino, Gary O'Neill. BioProcess International DICEMBRE 2005.

Afta epizootica Etichetta BASF Aseptrol

hantavirus Etichetta BASF Aseptrol

Epatite A, Virus B e C3,8 Biossido di cloro, parte 1 Uno sterilizzante versatile e di alto valore per l'industria biofarmaceutica, Barry Wintner, Anthony Contino, Gary O'Neill. BioProcess International DICEMBRE 2005, BASF Aseptrol Label

Coronavirus umano Etichetta BASF Aseptrol

Virus dell'immunodeficienza umanaBiossido di cloro, parte 1 Sterilizzante versatile e di alto valore per l'industria biofarmaceutica, Barry Wintner, Anthony Contino, Gary O'Neill. BioProcess International DICEMBRE 2005.

Influenza a Effetto protettivo del gas diossido di cloro a bassa concentrazione contro l'infezione da virus dell'influenza A Norio Ogata e Takashi Shibata Journal of General Virology (2008), 89, 

Minuto virus del topo (MVM-i) Etichetta Aseptrol BASF

Virus dell'epatite del topo spp. Etichetta BASF Aseptrol

Mouse Parvovirus tipo 1 (MPV-1) Etichetta BASF Aseptrol

Virus parainfluenzale murino di tipo 1 (Sendai) BASF Aseptrol Label

Virus della malattia di Newcastle Etichetta BASF Aseptrol

Virus Norwalk Etichetta BASF Aseptrol

Virus sialodscryoadenitis Etichetta BASF Aseptrol

Virus dell'encefalomielite del topo di Theiler Etichetta BASF Aseptrol

Virus Vaccinia Studi sulla decontaminazione sistematica del NHSRC, Shawn P. Ryan, Joe Wood, G. Blair Martin, Vipin K. Rastogi (ECBC), Harry Stone (Battelle). Workshop 2007 su decontaminazione, pulizia e problemi associati per siti contaminati da materiali chimici, biologici o radiologici Sheraton Imperial Hotel, Research Triangle Park, North Carolina, 21 giugno 2007.

Oltre alla sua capacità ossidante che esercita sugli spike e sull'RNA del virus, ClO2 esercita un beneficio indiretto ripristinando il ciclo della mieloperossidasi dei neutrofili per esercitare la sua attività virucida aumentando l'ossigeno molecolare nell'interstizio e quindi l'efficacia dei mitocondri nel ciclo di Krebs. I neutrofili sono la nostra prima linea cellulare di difesa nel corpo umano contro i microrganismi e altri tipi di danni cellulari che agiscono nell'infiammazione, nella riparazione e nella rigenerazione dei tessuti. Tuttavia, sono anche implicati nel danno tissutale nelle malattie infiammatorie e autoimmuni e nella sindrome da distress respiratorio. Ciò è legato alla capacità di rilasciare un gran numero di composti che possono uccidere batteri, virus, cellule normali e tessuto connettivo.

Queste tossine sono normalmente utilizzate nella difesa dell'ospite contro i microrganismi. Sono state rilevate circa 50 tossine che si dividono in due grandi gruppi; quelli derivati ​​dalla membrana plasmatica o dai granuli intracellulari. Nella membrana plasmatica, è associato all'enzima NADPH ossidasi che genera specie reattive dell'ossigeno (O2-, H2O2 e OH-). I neutrofili contengono una grande quantità di enzima mieloperossidasi che in combinazione con H2O2 può ossidare Cl-, Br- o I- verso l'acido ipocloroso (HOX). La mieloperossidasi ossida il cloro a HOCl, che ha un'elevata attività biologica come ossidante. Una quantità di 2x10-7 mol di HOCl, generata da 106 neutrofili, può distruggere 150 milioni di cellule di Escherichia coli in millisecondi.

A causa della sua elevata reattività, il biossido di cloro non può accumularsi nei sistemi biologici, ma si dissocia quasi istantaneamente in reazioni multiple in presenza di protoni. Il sistema mieloperossidasi genera una certa quantità di ossidanti in condizioni fisiologiche senza danneggiare il tessuto.

A causa della confusione in termini di composti del cloro e della mancanza di una conoscenza approfondita e delle proprietà del biossido di cloro all'interno della comunità medica e in generale, il suo utilizzo come farmaco per il trattamento del COVID-19 è stato controverso. Il biossido di cloro è una molecola (ClO2) che, quando dissociato, rilascia ossigeno molecolare biodisponibile nel sangue. Ha un importante effetto redox con un ORP di 0,94V in condizioni normali, molto più efficace dell'effetto correlato al cloro, grazie alla sua rapida conversione in sale comune (NaCl) all'interno del corpo umano e alla sua facile eliminazione attraverso il sistema urinario. . Questo effetto redox favorisce la lipoperossidazione del capside e dell'RNA del virus, promuove effetti antimicrobici diretti e indiretti, e favorisce l'ossigenazione dei tessuti.


legalità

Link consigliati

Contatti

Se lo desideri, puoi contattarmi via email per qualsiasi altra informazione che non appare su questo sito.

ultime notizie

Social networking

A causa delle molteplici censure ricevute dai social network e dalle piattaforme video, queste sono le opzioni per diffondere le informazioni disponibili

Newsletter

Per qualsiasi domanda relativa al biossido di cloro, accedi al forum Forbidden Health, disponibile anche all'indirizzo App Android.

Assicurati di iscriverti alla nostra newsletter nella tua lingua preferita per ricevere importanti notifiche relative alle terapie con biossido di cloro.

© 2022 Andreas Kalcker - Sito ufficiale.